Talent camp

C’è una cosa che sicuramente sappiamo fare tutti: raccontare!

 

Lo facciamo proprio tutti, sempre! La narrazione è dentro ciascuno di noi. È il nostro modo di rielaborare la realtà .

Quando parliamo con un amico o un’amica, quando raccontiamo la nostra giornata a qualcuno, quando per giustificarci ci inventiamo una scusa o coloriamo la realtà…  Narriamo sempre, ogni giorno!

Sembra tutto semplice, tutti sappiamo farlo. Ma farlo bene è un’altra cosa. Un vero e proprio talento.

Bisogna essere capaci di comunicare, di elaborare un’esperienza, di dare senso all’accaduto, di costruire dettagli e personaggi.

In poche parole: di rendere visibile l’invisibile.

Talenti in Elba

è una full immersione nel teatro di narrazione. Una settimana per esprimere il proprio potere narrativo, per mettersi alla prova davanti a un pubblico, per confrontarsi con un gruppo di ragazzi alla ricerca del proprio modo di raccontare.

Fin da quando esistono gli uomini, esistono le storie.

Dalle vicende raccontate nella antichissime pitture rupestri alle favole della buonanotte lette ai bambini prima di dormire, le storie hanno costruito il nostro passato e ci guidano verso il futuro. Possono insegnare, far divertire o farci piangere ma tutte contribuiscono in maniera forte a creare relazioni durature tra le persone.

La narrazione è nel DNA di ciascuno di noi. Non serve essere teatranti: narriamo sempre, ogni giorno. Quando parliamo con un amico, quando raccontiamo la nostra giornata a qualcuno, stiamo narrando. Del resto, l’essere umano è un essere sociale e il bisogno di veicolare l’esperienza attraverso il racconto è qualcosa di ancestrale, di antropologicamente iscritto dentro di noi.

Narrare è quindi un “atto semplice”, alla base del nostro quotidiano: il teatro di narrazione è un gradino in più, che richiede un certo allenamento affinché il racconto diventi memorabili e l’invisibile diventi visibile.

I ragazzi che parteciperanno a questa straordinaria settimana di full immersion nel teatro di narrazione, avranno quindi modo di avventurarsi nell’affascinante mondo del raccontare – e prima ancora dell’ascoltare le storie dell’altro.

Un Talent Camp per far conoscere ai ragazzi il potere della narrazione, per avvicinarli alle tecniche del teatro e portarli alla ricerca del proprio modo di raccontare, del proprio stile narrativo.

 

 Capita spesso che tra gli adolescenti emerga la difficoltà di vivere – e di gestire – emozioni complesse quali la rabbia, la delusione, la frustrazione. Incapaci di riconoscere e di affrontarle, alcuni di questi ragazzi sfogano il loro malessere in famiglia, a scuola, tra gli amici, a volte anche con comportamenti pericolosi tanto verso di sé quanto verso gli altri.

Il contesto sociale di oggi, inoltre, pone i ragazzi in una posizione di impotenza. Toglie loro voce, spazio, campo di azione, con la conseguenza di aumentare la loro sensazione di solitudine e incapacità, oltre alle ripercussione sull’autostima che ne conseguono.

Capita spesso, però, che il teatro si riveli essere, oltre a una disciplina artistica, una pratica metodologica di trasformazione, un contesto in cui mettersi alla prova con gli altri e riconoscere i propri talenti, generando così significativi miglioramenti di vita in chi lo esercita.

Attraverso la disciplina teatrale, infatti, è possibile ragionare con mente e cuore sulle emozioni, sul modo in cui esprimerle e essere nella relazione con l’altro. Questo processo permette di abbattere i muri che bloccano la libera espressione di sé e generare benefici significativi, quali entrare in contatto con parti della propria personalità fino a quel momento ignorate e costruire relazioni incentrate sul rispetto. Il tutto in un contesto che lascia spazio ai ragazzi e permette loro di “fare qualcosa di concreto” in cui veder riconosciuto il proprio ruolo e il proprio peculiare talento.

 

Partenza e Arrivo:
Partenza: Venerdì 19 luglio – ore 8:00 (puntuali)
Arrivo: Sabato 27 luglio – ore 19:00 (circa)

Sono inclusi nel costo di iscrizione:
Viaggio per/da Como/Rio Marina.
Colazione, pranzo e cena.
Posto letto, lenzuola.
Assicurazione.
Escursioni in loco.

NON sono inclusi nel costo di iscrizione:
Eventuali cibi, bevande, snack fuori dai pasti.
Materiali necessari (vedi sotto)
Tutto quanto non espressamente elencato alla voce “Sono inclusi nel costo di iscrizione”

Materiali necessari:
Fogli, penne, calze antiscivolo.
Per chi vuole: macchina fotografica, telecamera, strumenti musicali…. Insomma: tutto ciò che può essere funzionale alla propria narrazione e al proprio stile e che può manifestare in maniera originale il talento del partecipante.

Il programma prevede giornate di lavoro intensive (9:30/12:30 – 14:30/17:30) sul tema del teatro di narrazione, con l’obiettivo di una rappresentazione finale alla cittadinanza di Rio Marina e ai turisti presenti. I ragazzi lavoreranno sulle storie dei locali, sotto la guida esperta della nostra formatrice Erika Renai.
Il giorno dell’arrivo è prevista una visita di scoperta del luogo a cura dei responsabili della struttura L’Elba del Vicino.
Verrà dedicata inoltre una giornata a un trekking nei dintorni a cura delle guide ambientali del posto. Durante questa escursione i ragazzi avranno modo di vivere un’esperienza teatrale nel teatro naturale della Valle di Giove.

Erika Renai è un’attrice diplomata presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano, fondata da Giorgio Strehler e diretta da Luca Ronconi.
Ha lavorato con registi come Ronconi, Stein e De Bosio, con il Maestro e pianista Giorgio Gaslini e ha calcato decine di palcoscenici con la compagnia teatrale I Guitti, portando in scena, nei ruoli principali, numerosi tra i maggiori testi del teatro classico. Ha volto varie mansioni dietro la telecamera (assistente alla regia e actor’s coach) occupandosi spesso anche della scrittura di testi e dell’organizzazione.
Alterna la sua professione di attrice a quella di insegnante, tenendo corsi per bambini e ragazzi e laboratori per adulti. Dopo essersi formata al corso accreditato Assocounseling “Il modello teatrale nelle relazioni di aiuto: tecniche e metodologie di intervento” presso il CTA, conduce corsi per genitori e figli in “difficoltà di comunicazione. Sta conseguendo il Master Triennale in Counseling Pluralistico Integrato, modello ArKa.

Il costo di partecipazione è di 800,00 €

L’iscrizione si intende confermata successivamente alla compilazione del modulo di iscrizione ed al versamento di 200,00€ a titolo di caparra. Il pagamento deve essere fatto mediante bonifico bancario sul conto corrente intestato a Cooperativa AttivaMente presso la Banca Popolare di Sondrio, agenzia di Tavernola. Iban: IT74 Q056 9610 9030 0002 0118 X33.

Causale del versamento: “TALENT CAMP – INDICARE NOME E COGNOME DEL RAGAZZO PARTECIPANTE”.

Il saldo della quota andrà versato entro il 30 giugno 2019.

Il campo verrà organizzato solo al raggiungimento di un numero minimo di 15 ragazzi; qualora non venisse raggiunto, l’organizzazione avrà la facoltà di annullarlo, impegnandosi a restituire al partecipante l’intera quota versata.

In caso di rinuncia del partecipante oltre il 30 giugno 2019, verrà trattenuto dall’organizzazione il 25% della quota, a titolo di risarcimento.

 

Scarica la scheda di iscrizione

Scarica il pdf con tutte le informazioni

Scopri di più